"Legum servi sumus ut liberi esse possimus" (Siamo schiavi delle leggi, per poter essere liberi).

Marco Tullio Cicerone
Pro Cluentio 66 a.d.

Ultime dalla Cassazione












  • RIMBORSO SPESE STRAORDINARIE MANTENIMENTO FIGLI
    20 Maggio 2021

    In materia di rimborso delle spese c.d. straordinarie sostenute dai genitori per il mantenimento del figlio, fermo il
    carattere composito della dizione utilizzata dal giudice, occorre in via sostanziale distinguere tra a) gli esborsi che
    sono destinati ai bisogni ordinari del figlio e che, nel loro costante e prevedibile ripetersi anche lungo intervalli
    temporali, più o meno ampi, sortiscono l’effetto di integrare l’assegno di mantenimento forfettizzato dal giudice – o,
    anche consensualmente determinato dai genitori – e possono essere azionati in forza del titolo originario di condanna
    adottato in materia di esercizio della responsabilità in sede di separazione, scioglimento, cessazione degli effetti
    civili, annullamento, nullità del matrimonio ovvero all’esito di procedimenti relativi ai figli nati fuori del
    matrimonio, previa una allegazione che consenta, con mera operazione aritmetica, di preservare del titolo stesso i
    caratteri della certezza, liquidità ed esigibilità; b) le spese che, imprevedibili e rilevanti nel loro ammontare, in grado
    di recidere ogni legame con i caratteri di ordinarietà dell’assegno di contributo al mantenimento, richiedono, per la
    loro azionabilità l’esercizio di una autonoma azione di accertamento in cui convergono il rispetto del principio della
    adeguatezza della posta alle esigenze del figlio e quello della proporzione del contributo alle condizioni economicopatrimoniali del genitore onerato e tanto in comparazione con quanto statuito dal giudice che si sia pronunciato sul
    tema della responsabilità genitoriale a seguito di separazione, divorzio, annullamento e nullità del vincolo
    matrimoniale e comunque in ordine ai figli nati fuori dal matrimonio (principio enunciato in motivazione, ai sensi
    dell’articolo 384 del codice di procedura civile). Cass. civ., 13 gennaio 2021 n. 379

    La casa coniugale trasferita con accordo di separazione omologato è esente dalle imposte
    6 Aprile 2021

    La Sezione Tributaria della Corte di Cassazione, con ordinanza n. 4144, depositata il 17 febbraio 2021, ha dichiarato esente dall’imposta di registro il trasferimento della casa all’ex coniuge, attuativo di un accordo di separazione omologato dal tribunale, in sede di regolamento di rapporti patrimoniali tra coniugi.

    Il caso dal quale si origina il presente provvedimento riguarda il ricorso presentato da un contribuente avverso l’atto con il quale l’Agenzia delle Entrate gli aveva negato il rimborso delle imposte di registro, ipotecarie e catastali, sull’atto con cui gli era stata trasferita la casa coniugale, in attuazione dell’accordo omologato dal tribunale. In linea con quanto deciso dalla Commissione Tributaria Provinciale, la Commissione Regionale aveva considerato legittimo il diniego dell’istanza di rimborso da parte dell’Agenzia delle Entrate sostenendo che, in questo caso, non fosse applicabile la norma di cui all’art., 19 L. n. 74/1987 e ciò in quanto l’imposta era…
    Continua in: La casa coniugale trasferita con accordo di separazione omologato è esente dalle imposte
    Autore: Avv. Francesca De Carlo.

    © AvvocatoAndreani.it Risorse Legali.

    Locazione: spese di manutenzione ordinaria e straordinaria
    26 Gennaio 2021

    Locazione – obbligazioni del locatore -Affitto d’azienda – Spese di manutenzione ordinaria e straordinaria – Distinzione – Criterio – Fondamento – Elenco delle opere di manutenzione straordinaria di cui all’art. 1005 c.c. – Adoperabilità – Ragioni.

    L’affittuario dell’azienda ha l’obbligo di conservarla, in tutte le sue componenti, nello stato in cui viene affittata e, perciò, di sostenere tutte le spese necessarie a tale scopo. Ne consegue, ai fini della distinzione tra spese di manutenzione ordinaria e straordinaria, che – a differenza di quanto avviene per il contratto di locazione di beni non produttivi (nel quale il conduttore non fa proprio il reddito derivante dalla cosa) – i lavori di manutenzione ordinaria vanno individuati “in negativo” e, cioè, escludendo quelle opere che sono da reputarsi straordinarie perché non finalizzate alla conservazione della originaria destinazione economica del bene e al ripristino della sua attitudine produttiva, eventualmente adoperando, in via orientativa e in assenza di un criterio discretivo certo, l’elenco esemplificativo delle riparazioni straordinarie di cui all’art. 1005 c.c., norma applicabile anche ad istituti diversi dall’usufrutto.

    Corte di Cassazione, Sez. 3 – , Ordinanza n. 19632 del 18/09/2020

    ASSEGNO DI MANTENIMENTO
    26 Gennaio 2021

    L’obbligo di mantenimento del minore da parte del genitore non collocatario deve far fronte ad una molteplicità di esigenze, non riconducibili al solo obbligo alimentare, ma estese all’aspetto abitativo, scolastico, sportivo, sanitario, sociale, all’assistenza morale e materiale, alla opportuna predisposizione di una stabile organizzazione domestica, idonea a rispondere a tutte le necessità di cura e di educazione, secondo uno standard di soddisfacimento correlato a quello economico e sociale della famiglia di modo che si possa valutare il tenore di vita corrispondente a quello goduto in precedenza.

    Corte di Cassazione, Sez. 1, Ordinanza n. 16739 del 06/08/2020


Diritto di famiglia e successioni

Tutti gli articoli della categoria

Condominio e locazioni

Tutti gli articoli della categoria

Tutela proprietà immobiliare

Tutti gli articoli della categoria

Contrattualistica e assistenza stragiudiziale

Tutti gli articoli della categoria

Assistenza italiani residenti all'estero

Tutti gli articoli della categoria

Risoluzione alternativa controversie

Tutti gli articoli della categoria

Cartelle
esattoriali

Tutti gli articoli della categoria

APPROFONDIMENTO DEL MESE Leggi tutti

SEPARAZIONE E DIVORZIO A MEZZO DI NEGOZIAZIONE ASSITITA:PER I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI NECESSARIO L’INTERVENTO DEL NOTAIO
19 Gennaio 2021

Ogni qualvolta l’accordo stabilito tra i coniugi, al fine di giungere ad una soluzione consensuale di separazione personale, ricomprenda anche il trasferimento di uno o più diritti di proprietà su beni immobili, la disciplina di cui al Decreto Legge n. 132 del 2014, articolo 6, conv. in L. n. 162 del 2014, deve necessariamente integrarsi con…

PACTA SUNT SERVANDA Il principio mantiene la sua natura di verità assiomatica pur nel tempo della emergenza coronavirus?
27 Ottobre 2020

Si registrano in questo periodo, in materia di locazioni commerciali, provvedimenti adottati in varie sedi di Tribunale con i quali, a fronte della opposizione spiegata dalla parte conduttrice alla intimazione di sfratto per morosità, sono state denegate le ordinanze di rilascio ex art. 665 c.p.c. in ragione della situazione emergenziale in atto1, ovvero sul medesimo…